• Simone Avsim

Sarri: “Contro il Napoli sarà difficilissima”

La conferenza stampa di Maurizio Sarri pre Napoli-Juventus, 25.01.2020

Foto: @Juventusfc su Twitter

Sarri: “Per me è una partita particolare ma non bisogna correre il rischio di spendere energie per un aspetto personale di fronte a un obiettivo collettivo, che è quello di andare là e giocare una partita di alto livello per cercare di portare a casa i punti. La partita è difficile e complicata per tantissimi motivi”.

(sul tornare ad allenare il Napoli) “In questo momento sinceramente non ho pensieri sul futuro. Di botto posso anche dire che dopo questa esperienza posso pensare di smettere, ma non lo so, dipende dalla fine di questa esperienza quante energie mi sono rimaste e se penserò di fare ancora bene. Sono tipi di pensieri che in questo momento non ho”.

“Il giocatore più forte negli inserimenti da questo punto di vista che noi abbiamo a centrocampo è senz’altro Khedira. Bentancur sta cominciando a farlo, è un giocatore che in carriera aveva segnato pochissimo, sta segnando pochissimo, ha margini di miglioramento. Sicuramente ci dà equilibrio, è un giocatore con dinamismo straordinario, questo gli consente di essere presente in tutte e due le fasi. È un ragazzo giovane che sta crescendo a dismisura e quindi in questo momento per noi Bentancur è un giocatore estremamente importante, che ci consente tutte le soluzioni. Perché è un giocatore con un dinamismo talmente elevato che è adatto a tutti i moduli e a qualsiasi modo di giocare. Al dinamismo unisce anche una buona qualità tecnica. Giocatore serio”.

“Io non guardo mai gli aspetti degli ex, riguardo Higuain in particolare. Perché hanno 2000 sfaccettature diverse, alcune positive e alcune negative. Se Higuain domani gioca è perché viene da una partita straordinaria, se Higuain domani sta fuori è perché vado ad altre decisioni. Le decisioni devono essere prettamente tattiche perché se vai su altri tipi di valutazioni ci sono mille aspetti positivi ma anche aspetti negativi”.

“Con l’inserimento di Demme il Napoli torna ad avere un punto di riferimento a centrocampo per via centrali. Mi aspetto una partita difficile. Il Napoli è una squadra forte, le squadre forti anche se attraversano momenti difficili nella partita secca rimangono squadre pericolosissime. La classifica del Napoli è strana perché se si vanno a guardare le classifiche di rendimento della Serie A il Napoli è primo in possesso palla, in baricentro, in verticalizzazioni, in tiri fatti, secondo nei tiri subiti, secondo nelle occasioni create. Quindi una classifica che non corrisponde a quello che stanno esprimendo. Leggendo questi dati mi viene naturale pensare ad una squadra che è destinata a risollevarsi in classifica anche abbastanza velocemente, poi le qualità tecniche dei loro giocatori sono elevatissime. Quindi partita difficilissima materialmente e mentalmente, perché vengono da una vittoria importante che li può rilanciare e poi io so benissimo quanto per loro è importante questa partita e le motivazioni che avranno. È una partita difficilissima”.

“I fischi li considererei una manifestazione di affetto. Ero lì quando La Juventus ha pagato la clausola di Higuain, posso dire che i fischi erano ingiusti”.

“Non ho alcuna idea dello scambio De Sciglio-Kurzawa. Il direttore mi ha detto che questa è solo un’ipotesi, non c’è niente di definitivo al momento. Non ho assolutamente idea. Kurzawa sinceramente lo conosco anche relativamente, l’ho visto in qualche partita ma una cosa è studiare un giocatore, una cosa è che mentre stai cenando con la famiglia ti metti a vedere una partita in cui c’è questo giocatore, qualcosa di molto diverso”.

“Sicuramente Eriksen è un giocatore di grande levatura. Da qui a pensare che possa cambiare l’equilibrio del campionato è già un passo successivo. Questo è un qualcosa che a noi non interessa, noi sappiamo di essere competitivi e l’obiettivo nostro deve essere quello di rendere al 100% delle nostre potenzialità, cosa che ho l’impressione che fino a questo momento abbiamo fatto solo per spezzoni di partita. E quindi dobbiamo concentrarci su di noi, sapendo di essere competitivi al di là dei giocatori che possono arrivare o meno in altre squadre”.

“La pressione nel calcio è un falso mito. La pressione che si sente è quella che ci si pone autonomamente, la pressione esterna se uno sta dietro a questo circo diventa matto, quindi penso che nessuno degli addetti ai lavori stia dietro al circo. Sulla pressione esterna ti direi assolutamente di no. Rimane da vedere le energie che ti rimangono: se uno si sente svuotato, se si sente di non avere più motivazioni, è anche giusto smettere. In questo momento io me ne sento, però la domanda mi trasporta un po’ nel tempo e non lo so se fra 2 anni alla scadenza del contratto sarà lo stesso di adesso o no. Se sono lo stesso proseguo, se mi accorgo di avere meno motivazioni è giusto anche smettere. Poi ci sta che fra due anni a livello di cervello cominci a perdere colpi e decidi di continuare comunque facendo un azzardo”.

“Il Napoli da Ancelotti a Gattuso sta cambiando. Gli arrivi di centrocampisti centrali ti dicono che vogliono giocare in maniera diversa in questo momento. Anche dal punto di vista del modulo e dell’impostazione stanno cambiando. Gattuso solitamente è un allenatore che riesce a dare grande solidità alle proprie squadre, mi sembra che stia lavorando in questo senso. Anche perché il Napoli per caratteristiche e per qualità dei singoli la pericolosità offensiva la trova lo stesso, quindi penso che in questo momento la ricerca è quella di diventare una squadra più solida”.

“È difficile dire se ho subìto influenze da altri allenatori, perché si accumulano esperienze su esperienze e l’evoluzione ti porta a pensare che è tutta roba tua, magari all’inizio invece c’era una forte influenza da parte di qualcuno. Così non te lo saprei dire, sono andato a vedere diversi allenatori in certi periodi, da tutti sicuramente ho imparato qualcosa ma un’influenza diretta così forte non ce l’ho o perlomeno non ce l’ho consapevolmente. Poi sicuramente da qualcuno avrò preso”.

#mauriziosarri #sarri #napolijuveprobabiliformazioni #conferenzastampa #juventus #napolijuveformazioni #sscnapoli #napolijuveformazioniufficiali #napolijuventusformazioniufficiali #juve #napolijuventusprobabiliformazioni #napoli #gattuso #napolijuve #higuain #conferenzastampasarri #napolijuventusformazioni #sarriconferenzastampa

2 visualizzazioni

©2020 by Avsim. Proudly created with Wix.com