• Simone Avsim

Sarri a DAZN post Milan-Juventus 4-2: "Sereni per gli ottimi 60 minuti"


Le dichiarazioni di Maurizio Sarri a DAZN post Milan-Juventus 4-2 di Serie A, martedì 7 luglio 2020


Sarri: "Abbiamo fatto 60 minuti di livello mondiale. Abbiamo fatto molto bene, eravamo in pieno controllo della partita, abbiamo preso questo blackout su cui non bisogna neanche stare tanto a pensare perché tra pochi giorni abbiamo un'altra partita. In questi momenti non è neanche il caso di mettersi troppo a pensare. Blackout totale per un quarto d'ora, è successo anche ad altre squadre in questo periodo, è un periodo difficile per tutti. Bisogna uscire da questa partita prendendo il meglio di quello che ci ha dato: i 60 minuti in cui la squadra ha fatto molto bene, in pieno controllo della partita. Dobbiamo dimenticarci il blackout perché poi tra tre o quattro giorni torniamo normalmente in campo. Non è neanche il caso di essere lì a farci tanti processi addosso, bisogna uscire sereni per quello che abbiamo fatto per un'ora e pensare subito alla prossima. Le vere motivazioni di questi momenti inspiegabili non si trovano neanche".


"Non mi pongo domande. Abbiamo fatto delle partite brutte e le abbiamo perse giustamente. Ma questo non è quel tipo di momento: in questo momento stiamo facendo bene, abbiamo fatto bene anche stasera. Questi blackout sono successi a tante squadre anche in passato, in questo momento vedo che succedono più del solito perché è un momento difficile fisicamente e mentalmente, con questi impegni ravvicinati, allenamenti fatti a temperature altissime. È un momento difficile, stare a farsi dei processi addosso potrebbe farci perdere quello che abbiamo conquistato negli ultimi tempi, non ne vale la pena. Di questi blackout ognuno tira fuori una motivazione diversa, difficile quindi anche arrivare a una conclusione. Momento totalmente diverso rispetto a quando abbiamo giocato a Verona o abbiamo perso col Napoli, che non può essere la stessa motivazione. Pensiamo alla prossima, la squadra si deve convincere che ha nelle corde un ottimo calcio e deve ripartire da quello".

"In difesa si è sofferto nel momento di blackout, fino al sessantesimo penso che non abbiamo concesso una palla gol, fino al rigore. Quando ti succedono questi momenti di vuoto puoi anche cambiare tutti, ma non riesci a venire a capo della situazione. Non vedo le assenze come le motivazioni di un blackout".

"Higuain ha fatto quello che poteva fare in questo momento, ha fatto benino per un tratto di partita poi è andato piano piano scomparendo dalla partita ma era fisiologico".

"Non credo che il risultato della Lazio abbia influito perché altrimenti l'impatto sulla partita sarebbe stato diverso, invece la squadra era molto applicata e attenta per una lunga fase della partita. La sensazione è che non abbia influito il risultato di Lecce-Lazio. Se poi sul 2-0 c'è stato un rilassamento dovuto... ma non mi sembra neanche, mi sembra più che il blackout sia venuto dopo il rigore, non tanto dopo il gol del 2-0. Penso e spero di no".

"Rabiot è un ragazzo che si sta integrando nel gruppo, nella società, nel calcio italiano. Veniva da un'esperienza all'estero quindi ha fatto un po' di fatica, un paio di infortuni l'hanno rallentato e ora sta facendo bene, sta venendo fuori bene".

54 visualizzazioni

©2020 by Avsim. Proudly created with Wix.com